Antisemiti a Voghera il 27 Gennaio

Stella di DavidRiportiamo sgomenti un comunicato dell’ANPI di Voghera e una lettera della stessa associazione al direttore de la Provincia Pavese sulla squallida vicenda del banchetto neonazista della Fiamma Tricolore collocato sabato scorso 27 Gennaio (Giornata della Memoria che ricorda le vittime della Shoah) in via Emilia a Voghera.

Ci aspettavamo una provocazione simile a Pavia, siccome avevamo organizzato per quel pomeriggio un’iniziativa di piazza sul tema, ma a quanto pare i fascisti hanno pensato bene di fare una trasferta in Oltrepo visto che nel capoluogo tirava per loro una brutta aria. Pare tuttavia che anche a Voghera, meritoriamente, alcuni cittadini si siano scandalizzati per l’esibizione di simbologia hitleriana e abbia obbligato la forza pubblica a farla rimuovere.

Si noti che quelle stesse forze ed istituzioni politiche, Presidente della Repubblica in testa, sempre tanto solerti nell’incongruente denuncia di antisemitismo appena viene sollevata una critica alla politica imperialista di Israele, sono sempre particolarmente disattente quando l’antisemitismo vero e proprio viene rivendicato e propagandato dai gruppi neofascisti alleati della “Casa delle Libertà”.

COMUNICATO STAMPA

E’ possibile che, proprio il 27 gennaio, “Giornata della memoria?, sia concesso a rappresentanti di una organizzazione dichiaratamente neofascista quale il MOVIMENTO SOCIALE – FIAMMA TRICOLORE, il cui segretario nazionale pochi mesi fa dichiarò che non aveva elementi per poter esprimere un giudizio sull’esistenza o meno delle camere a gas nei lager nazisti, di svolgere un presidio nella centrale via Emilia di Voghera?

Un presidio nel corso del quale, oltre a diffondere un volantino contro gli immigrati, i giovanissimi neofascisti esibivano una bandiera con la croce celtica e nel loro abbigliamento stemmi ed emblemi che evocano apertamente le insegne di morte del nazismo e del fascismo: ideologie e regimi autori, cioè, delle persecuzioni, violenze e sterminio di ebrei, rom e sinti, omosessuali, oppositori politici.

Le vittime che proprio nella giornata del 27 gennaio vengono ricordate.

Ricordiamo a chi lo avesse dimenticato o rimosso che l’ostentazione di simboli e vessilli di chiara matrice fascista o nazista (croci celtiche, rune stilizzate, fasci littori e simbologia di morte affine) rientra nella sfera dei reati perseguibili penalmente dalle leggi vigenti che vietano l’apologia del fascismo, come nuovamente evidenziato da una recente sentenza del Tribunale di Pavia che ha condannato tre neofascisti per l’esposizione della bandiera della RSI, ritenendo quel vessillo simbolo della “discriminazione razziale?.

Per questo la sezione dell’ANPI nell’esprimere tutta la propria indignazione e amarezza per la squallida iniziativa, chiede agli organismi preposti al rilascio delle autorizzazioni in base a quale motivazione particolare sia stata consentita la squallida provocazione in un giorno che dovrebbe essere di monito a tutti coloro che fomentano campagne di odio e discriminazione: relativiste o negazioniste nei confronti dello stermino degli ebrei di ieri, razziste e xenofobe verso le categorie più deboli oggi.

Ma oltre agli aspetti legali e giudiziari, quello che pensiamo sia fondamentale è che sull’episodio si apra una seria riflessione nella nostra città, sull’esigenza di respingere ed isolare – politicamente e culturalmente – i gruppi neofascisti comunque targati (che da tempo puntano a recuperare uno spazio di presenza e di attività politica nella nostra provincia), sulla necessità di un lavoro costante e coinvolgente nei confronti delle nuove generazioni sui temi della democrazia, dell’antifascismo, del razzismo e dell’antisemitismo, per fare vivere una memoria civile non imbalsamata o evocata solo in occasioni particolari (spesso anche in modo confuso e distante).

Comitato Iscritti ANPI – Voghera

ASSOCIAZIONE NAZIONALE

PARTIGIANI D’ITALIA – sezione di Voghera

Al Direttore del quotidiano Voghera, 28 gennaio 2007

“LA PROVINCIA PAVESE?

Gentile Direttore,

anche domenica 28 gennaio le pagine vogheresi de “La Provincia Pavese? sono riuscite a produrre l’ennesimo “effetto sorpresa? sul tema della “Giornata della Memoria?. Peccato solo che il segno di tale stupore debba sempre risultare negativo: infatti, se nel precedente giovedì 25 ci era già toccato trasalire di fronte ai grossolani strafalcioni sulla presenza di camere a gas nei lager italiani, nonché rispetto a quello che abbiamo avvertito come un uso disinvolto e imprudente del sostantivo “razza?, nella tranquilla mattinata domenicale siamo stati letteralmente tramortiti dalla cronaca che il quotidiano ha offerto ai lettori in merito ad un fatto accaduto nel pomeriggio di sabato 27, ossia proprio nella data della Giornata dedicata al ricordo della Shoah. Così riportava la “Provincia?: “La Giornata della Memoria a Voghera è stata turbata dalla polemica per la presenza del banchetto di un gruppo di giovani di estrema destra in via Emilia, con bandiere e insegne celtiche. A sollevare il caso è stato il Consigliere di Rifondazione Comunista, Sergio Vitellini….?. Difficile equivocare il senso di una simile frase per chiunque sia in possesso di elementari nozioni di analisi logica. Ciò che ha turbato non è stata la presenza di una formazione dichiaratamente neofascista (Fiamma Tricolore) e assai vicina alle tesi negazioniste, non sono state le bandiere con la croce celtica che sventolavano in mezzo alla centralissima stada affollata per il consueto “passeggio? del sabato, non è stata, insomma, l’evidente provocazione che in altre località amministratori meno distratti hanno avuto l’accortezza di prevenire! La turbativa , secondo “La Provincia? trova la sua causa efficiente in una non meglio precisata polemica e il suo soggetto agente in Sergio Vitellini, consigliere comunale d’opposizione.

Ebbene: l’A.N.P.I. ringrazia pubblicamente il consigliere Vitellini per aver immediatamente raccolto la segnalazione e dato voce all’indignazione di alcuni privati cittadini che non hanno considerato “normale? veder sventolare vessilli con il simbolo scelto come proprio distintivo dalla divisione Charlemagne delle Waffen SS e che non sono rimasti indifferenti di fronte a un gruppo organizzato di individui che sfoggiavano sui loro giubbotti inequivocabili spille con croci uncinate.

Perché il resoconto pubblicato da “La Provincia? ha purtroppo mancato di cogliere il fatto che il 27 gennaio qui a Voghera è stato turbato da questa indecente presenza neofascista nel cuore della città, nonché dalla “distrazione? che ha fatto sì che un ennesimo burocrate di turno abbia concesso l’autorizzazione che l’ha resa possibile proprio nella giornata dedicata alle vittime delle leggi razziali e dei lager nazisti. La nostra Associazione sottolinea inoltre che le Forze dell’Ordine, a seguito delle segnalazioni e alla protesta di alcuni passanti, sono subito intervenute provvedendo a far rimuovere le insegne. Peccato che di questo epilogo i lettori non abbiano potuto trovare alcun rigo in cronaca.

28 Responses to “Antisemiti a Voghera il 27 Gennaio”

  1. che brutta aria tira nel “capoluogo”?! Forza Nuova ha fatto volantinaggio e pure una conferenza stampa con Fiore…sveglia cumpà!li ho visti io alla stazione,decine di fasci….mah…

  2. Non possiamo mica correre dietro ai (pochi) volantinaggi di Forza Nuova e Fiamma Tricolore. Li abbiamo visti anche noi, ovviamente, il 3 febbraio, io stesso sono passato a controllare e non erano “decine” bensì tre ragazzini che parlavano con due di Azione Giovani in piazza Vittoria, del tutto ignorati dalla gente che passava. Finché fanno (inutili) volantinaggi a sorpresa non c’è molto da fare, a meno che non abbiamo così poca roba da fare da aver tempo di metterci tutti in allerta e organizzare in dieci minuti una controiniziativa. Non credo proprio che sabato ne valesse la pena. Anche per la loro assemblea con la madre dell’accoltellato che faranno il 16, la facciano pure, noi quella sera staremo riposandoci per la manifestazione di Vicenza del giorno dopo, che direi sia qualche miliardo di volte più importante. Noi non siamo come loro: mentre il loro unico fine è l’anticomunismo, noi non viviamo per loro, abbiamo le nostre lotte, le nostre iniziative e le nostre organizzazioni, che siamo disposti a difendere se è il caso, ma che non mettiamo a rischio per il gusto di inseguire loro.

  3. Ah, scopro ora dal sito Pavia Tricolore che è stata fatta una conferenza stampa con Fiore proprio il 27 Gennaio (al solito hotel Moderno del padrone dei cinema pavesi, che è sempre molto ospitale verso i nazisti). E’ una vergogna, ma una vergogna passata inosservata (eravamo in piazza Vittoria). A quanto pare i fascisti hanno capito che se vogliono fare queste cose devono farle non pubblicizzate, facciano pure tanto si trovano sempre tra di loro.

  4. quindi non siete anti-fascisti?

  5. No, caro “?????”, non è che non siamo antifascisti, il punto è che noi siamo antifascisti perché i fascisti sono uno strumento che usa il nostro nemico (che è molto più forte e più importante dei fascisti) per ostacolarci. Siamo antifascisti per una questione di sopravvivenza, direi. Siamo prima di tutto anticapitalisti, e quindi anche antifascisti visto che il fascismo è una delle facce (la più schifosa) del capitalismo. Invece i fascisti sono anticomunisti perché quello è il loro “lavoro”, oltre a contrapporsi a noi non hanno nessun’altra idea o proposta o ideale: sono semplicemente dei cani da guardia del padronato. Infatti se la prendono sempre non con chi comanda in questa società ma con i più deboli (immigrati, minoranze) o con chi cerca di cambiarla (comunisti, sindacalisti, militanti di sinistra in genere).

  6. MV scusa,ma quindi voi siete antifascisti in quanto il fascismo è uno strumento di tortura del potere capitalista che ve lo scaglia contro in maniera subdola e tremenda,giusto??

    quindi non siete tanto contro le idee fasciste ma siete più che altro schierati affinchè lo Stato non possa ostacolare la vostra marcia verso il cambiamento di questa società mediante i fasci,giusto??
    lo chiedo xkè interessato…nn sono comunista nè tantomeno fascista..

  7. Esistono “idee” fasciste? Non mi pare.

  8. iO non starei nemmeno a perdere tempo a rispondere a questi fascisti pirla cammuffati da compagni (vedi Folletto…che tristezza). Fra le tante cose più importanti che abbiamo da fare, non rientra perdere tempo con militonti fasci da tastiera.
    Ci vediamo, merde

  9. ma i fasci fanno qualcosa a pv??

  10. Chi sei? Che domanda è? Cosa vuoi sapere?

  11. Commento cancellato perché cretino.

  12. bene abbiamo ottenuto quello che volevamo.
    state parlendo di noi,bene o mele nn importa,liportante che lo fate,
    no?
    continuate piu lo fate,piu la gente sapra che esistiamo,e portimo avanti una idea sacra,e giusta.

  13. Impara a scrivere e le tue idee sacre ne trarranno sicuro giovamento. Devono essere un po’ zoppicanti se per diffondersi si affidano a quello che ne diciamo noi.

  14. Commento cancellato perché idiota.

  15. Ma chi è questo Fulvio Poggi di Voghera? Per favore non venire qui a disturbarci, non ti abbiamo mai sentito nominare sinceramente e non ci interessano i tuoi commenti. Grazie della collaborazione.

  16. Commento cancellato perché idiota.

  17. Commento cancellato perché sul nostro sito diamo diritto di parola solo a chi pare a noi.

  18. come sono intransigenti questi sinistri, dite di combattere il sistema e poi ve ne servite per eliminare i vostri avversari,per quanto tempo ancora ci potrete tappare la bocca o infamare attraverso i vostri dossier di stampo poliziesco?! ve lo dico io…più passeranno gli anni più i vostri grandi valori della resistenza si affievoliranno, mentre i nostri ideali erano sono e rimarranno eterni perchè i popoli e le persone cambiano ma la bandiera resta sempre quella.
    UN GIOVANE CHE STA CON LE MINORANZE!

  19. Messaggio cancellato perché cretino ed offensivo. (NB: non sono divertenti i fascisti quando dimostrano che i partigiani gli fanno paura anche da morti?)

  20. Interessante teoria, peccato che sia contraddetta dalla realtà. I fascisti non se li caga nessuno e i valori della Resistenza sono ancora molto popolari specialmente tra i giovani. Comunque nessuno vuole rovinarvi il vostro mondo delle favole.

  21. Commento cancellato perché scritto da un fascista.

  22. Guarda, facciamo così, almeno la capisci: tu qua non ci puoi scrivere. Punto, ci hai rotto le palle.

  23. Commento cancellato perché scritto da un fascista.

  24. Vediamo quanto ci metti a capire come funziona.

  25. Commento cancellato perché minaccioso.

  26. Quasi quasi mi piace sto sito. I comunisti in genere non li sopporto perche’ come troppi fanno finta di essere imparziali ma poi si vede quanto sono di parte.
    Qui invece dite chiaramente che la liberta’ di parola ce la ha solo chi volete voi.
    Dirlo cosi’ espressamente e’ molto importante! Perche’ vi carica della responsabilita’ di non fare solo della bassa propaganda (o non solo).
    Quasi quasi provo a leggere sto blog goni tanto!
    Ero alla ricerca di informazioni perche’ un mio amico mi ha detto che all’autogrill di Pavia (Stradella Sud?) ci sono in vendita souvenir del duce e volevo capire che accidente c’entra il fascismo con Pavia.

  27. Commento cancellato perché fascista e scritto in una lingua incomprensibile.

  28. Commento cancellato perché fascista e minaccioso.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.