Fuori i fascisti dalla nostra città

Sabato 7 aprile è prevista l’apertura del locale Clubhouse88 a Pavia. Si tratta di un locale fascista situato proprio vicino alla sede di Forza Nuova. Nell’iniziativa sembrano coinvolti noti estremisti di destra, inclusi pregiudicati che hanno già ricevuto condanne e provvedimenti giudiziari.

Forse non tutti sanno che l’88, presente nel nome del locale, negli ambienti neonazisti viene usato come saluto al posto di “Heil Hitler” essendo l’H l’ottava lettera dell’alfabeto. Nella locandina campeggia il logo dei naziskin, costituito da un’immagine del Ponte Coperto dal quale serpeggia uno “Schwarze Sonne” ovvero il sole nero delle SS. L’evento dovrebbe essere seguito da un concerto in cui suonerebbero gruppi nazi-oi, i pavesi “Porky Bastards” e i varesini “Garrota”. Il simbolo di questi ultimi è un tirapugni insaguinato.

Nessun dubbio dunque: trattasi di neonazisti .

Non possiamo permettere che nella nostra città si concedano nuovamente spazi ai fascisti. Il pericolo che costoro possano riorganizzarsi e seminare violenza per le vie della città è sotto gli occhi di tutti, dopo tutto quello che è avvenuto negli anni scorsi. Non possiamo permettere che a Pavia ci sia un covo che diffonda razzismo, xeonofobia e tutte quelle idiozie fasciste che hanno armato le mani dei vari Brevik e Casseri.  Non tollereremo la presenza in città di chi attacca le conquiste della resistenza, di chi nega la Shoah e si candida a fare il lavoro sporco per i poteri forti contro le organizzazioni dei lavoratori.

(Ricordiamo che quando aprì la sede di Forza Nuova in via dei Mille avevamo previsto che si sarebbero verificate violenze, e così è stato; se fossimo stati ascoltati da subito quanti problemi si sarebbero evitati?)

Chiediamo alla giunta di revocare i permessi per questa iniziativa, di chiudere tutte le sedi di organizzazioni fasciste, dando un segnale di democrazia a questa città. Gli assessori gettino la maschera e dimostrino concretamente  da che parte stanno: con i gruppi neonazisti al limite della legalità che ostentano simboli inneggianti a Hitler e al nazismo?

Purtroppo però la giunta comunale non sembra avere la stessa sensibilità, avendo già avallato altre iniziative fasciste.

Pretendiamo che la giunta comunale (che si definisce democratica) spezzi il legame che la lega alla destra fascista, e che costringa alle dimissioni chi offre legittimità politica ai fascisti partecipando alle loro iniziative. Ci riferiamo all’assessore alla sicurezza Marco Galandra che si è recato in qualità di rappresentante ufficiale dell’amministrazione comunale a un incontro organizzato da Forza Nuova lo scorso 25 febbraio. Questo incontro si è tenuto in un’aula comunale. Guarda caso, poche settimane dopo apre il Clubhouse88…

Ancora una volta i fascisti tentano di attecchire nei nostri quartieri, e ancora una volta sarà pronta e decisa la risposta delle forze antifasciste che li ricacceranno nelle luride fogne da dove provengono.

 

Giovani Comunisti Pavia

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.