La lotta contro l’ordinanza anti-birra continua!

La lotta contro l’ordinanza anti-birra continua!

Dopo l’occupazione di lunedì scorso del Consiglio Comunale, che ha visto tanti giovani e non solo rivendicare l’abolizione del progetto d’ordinanza comunale contro il consumo di alcolici in luoghi pubblici, il sindaco Capitelli ha corretto il tiro: portare una bottiglia di birra fuori dai locali, dunque, sarà consentito.

Sarà però vietato, e punito con severità, il bivacco nei luoghi pubblici, tanto più se accompagnato all’abuso di bevande alcoliche. Non sappiamo con precisione cosa significhi per la Piera “bivaccare”. Di certo il concetto si presta ad ampie semplificazioni e strumentalizzazioni e crediamo che, nei fatti, l’ordinanza comunale sia rimasta la stessa e ci vede ancora determinati a lottare per la sua abolizione totale, a lottare perché Pavia arresti la sua corsa verso lo status di “città dormitorio”, perché s’interrompano i provvedimenti che questa Giunta “democratica” da sempre porta avanti verso i giovani, gli immigrati, i lavoratori.

Non rivendichiamo il diritto a sporcare, non è questa la cultura che appartiene alla quasi totalità dei giovani, pavesi e non. Rivendichiamo la possibilità di poter bere una birra senza doverla pagare uno sproposito, di poter sederci e socializzare nelle piazze, nei giardini, sulle panchine, di poter vivere questa città universitaria che non offre niente per i quasi 25.000 studenti che vi risiedono e che sono però parte importante nel funzionamento dell’economia pavese.

La lotta non si ferma! E’ importante unire le nostre forze per vincere la battaglia contro quest’ennesima ordinanza nata sull’ondata di repressione sociale che dilaga in tutta Italia!

Come muoverci ora?

DISCUTIAMONE INSIEME! LUNEDI 22 SETTEMBRE

ore 18.00 SALA DEGLI EX SERVIZI SOCIALI corso Garibaldi 69

Giovani Comunisti Pavia

Federazione Giovanile Comunisti Italiani Pavia

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.