La ricchezza della Resistenza

La giornata del 25 Aprile a Pavia ci ha restituito una piazza viva, quella di Guicciardi.
Stracolma di italiani, stranieri, studenti, associazioni e comunisti che si riconoscono nei principi e nei valori della Resistenza. Dove la parola, è stata data ai veri partigiani vecchi e nuovi, che attraverso i loro racconti ci hanno restituito un significato pieno e un senso a questa ricorrenza. Ricorrenza, che rischiava e rischia di essere svuotata e ridotta ad un mero monumento privo di personalità e memoria storica o addirittura cancellata. 
Nella piazza istituzionale parlava un sindaco, il cui partito l’anno scorso ha tentato di abolire il 25 aprile.
Questo ci ha portato a scegliere una piazza che rappresenti veramente quegli ideali che hanno spinto tanti antifascisti a resistere al fascismo per oltre 20 anni e tanti partigiani giovani e meno giovani a combattere a rischio della propria vita per liberare l’Italia dall’occupazione nazi-fascista.
A quegli italiani, a cui noi cittadini di oggi dobbiamo la nostra libertà e dignità, va il nostro ringraziamento e riconoscenza attraverso le parole toccanti del partigiano garibaldino Umberto Respizzi, che con parole toccanti ha detto “esistono due partiti: quello degli sfruttati e quello degli sfruttatori”, frase che spiega perfettamente perché eravamo in Piazza Guicciardi e non in piazza Italia.
Attraverso il discorso intelligente di Carmen Silva voce della comunità migrante, attraverso l’infuocato e mai domato pensiero ribelle di Lanfranco Bolis, attraverso l’attualità dello spirito antifascista di Claudia Lucrezio presidente ARCI provinciale e del coraggioso e consapevole discorso di Giuseppe Polizzi di Arcigay Pavia. Oltre alla partecipazione di tante cittadine e cittadini che normalmente non amano il clamore ma hanno voluto dare un segnale forte e chiaro a tutta la città, istituzioni comprese.
Quella piazza è una vittoria della coerenza e dell’onestà intellettuale, di chi voleva dire forte e chiaro, da che parte sta!

Giovani Comunisti Pavia

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.