Razzismo a Pavia: c’è chi dice NO

Abbiamo appreso dalla stampa locale dell’attacco politico condotto dalla Lega Nord contro la “Macelleria Islamica” di Galleria Manzoni a Pavia, un negozietto che vende ottimi prodotti della tradizione culinaria mediorientale; è un attacco politico reso ancora più preoccupante da una misteriosa “coincidenza”: proprio il giorno in cui il proprietario egiziano della macelleria ha trovato Galleria Manzoni invasa dai volantini della Lega contro il suo negozio, ha trovato anche la sua vetrina sfondata da una grossa pietra. Oggi una piccola delegazione di giovani comunisti si è recata in tre negozi di alimentari specializzati in cucina mediorientale, compresa la macelleria attaccata dai leghisti e dai “lanciatori di pietre”. Abbiamo espresso la nostra solidarietà, colto l’occasione per discutere con alcuni degli immigrati presenti e consegnato questo volantino antirazzista.

STRANE COINCIDENZE…

Nella notte tra venerdì 15 ottobre e sabato 16 ottobre qualcuno sfonda con un sasso la vetrina della “Macelleria Islamica” di Galleria Manzoni.
Sabato 16 ottobre il circolo pavese della Lega Nord, il più razzista tra i partiti di governo, ha distribuito in Galleria Manzoni dei volantini contro la macelleria. In quei volantini si sostiene che la macelleria e i suoi clienti infastidiscono gli abitanti della zona; il messaggio razzista è molto chiaro: gli arabi vanno allontanati dalla città.
Non abbiamo informazioni sufficienti per affermare che la Lega Nord sia responsabile dell’atto vandalico contro la Macelleria. Di sicuro non ci stupirebbe però scoprire un collegamento tra lo sfondamento della vetrina e il volantinaggio. La Lega Nord di Pavia e il suo segretario Gianmarco Centinaio sono già stati colpiti da un grosso scandalo alcuni anni fa per gli strani rapporti che intrattenevano con un gruppo neonazista. La Lega ha organizzato in passato delle “ronde” contro gli immigrati e si distingue in generale per il suo spudorato razzismo contro gli africani, gli arabi, gli albanesi ecc.
Anche la sede del nostro Partito, Rifondazione Comunista, alcuni anni fa ha avuto la vetrina sfondata da una grossa pietra. Il giorno dopo abbiamo trovato un adesivo fascista, proprio come la macelleria di Galleria Manzoni ha trovato volantini leghisti.
Con questo messaggio di solidarietà vogliamo esprimere tutta la nostra costernazione per gli attacchi vergognosi che la popolazione immigrata, e in particolare araba e mediorientale, di Pavia sta subendo da parte dei partiti di destra. Da parte nostra, consideriamo e considereremo sempre i nostri fratelli immigrati, al nostro fianco in tanti cortei contro la guerra e nelle più importanti battaglie sindacali, come nostri alleati nella lotta per un mondo migliore, senza guerra e senza sfruttamento.
(E fra l’altro… la cucina mediorientale è proprio buona!!)

NO AL RAZZISMO CONTRO I POPOLI ARABI E MEDIORIENTALI!

NO ALLA LEGGE RAZZISTA BOSSI-FINI!

NO ALL’OCCUPAZIONE DELL’IRAQ!

LIBERTÀ E GIUSTIZIA PER I POPOLI PALESTINESE E ISRAELIANO!

Giovani Comunisti Pavia

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.