Solidarietà agli operai della Elnagh

In questi giorni siamo stati a Trivolzio al presidio della Elnagh, la ditta che ha deciso di licenziare 130 persone.

I responsabili dicono che non c’era alternativa, ma la verità è che vogliono solo trasferire la produzione in Toscana per convenienza. Infatti in Toscana utilizzerebbero contratti precari (contrariamente a quello che accadeva a Pavia) che porteranno vantaggi economici all’azienda.

La Elnagh produce camper da 60 anni e gli operai sono specializzati e lavorano con competenza, ma l’azienda preferisce lasciarli a casa pur di avere maggiore profitto. 

A loro non importa di avere rovinato 130 famiglie. In alcuni casi marito e moglie lavoravano entrambi nell’azienda e ora non avranno più un lavoro. Come vivranno? Come manterrano i figli? Questo all’aministratore delegato non importa.

Ora i lavoratori sono in presidio permanente e lottano con dignità per riavere il loro posto.Non chiedono buone uscite o ammortizzatori: chiedono di lavorare!

Noi Giovani Comunisti (Rifondazione Comunista) esprimiamo la nostra solidarietà ai lavoratori della Elnagh.


Giovani Comunisti Pavia

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.